Guida Gay: Cipro

Io ed il mio compagno, siccome per vari impegni non riusciamo mai a passare un po’ di tempo con le nostre amiche K., C, e B., abbiamo deciso di fittare una villa e passare una settimana insieme.  La scelta è stata quella di andare a Cipro. Cipro non è una meta gay, sia per la situazione politica, sia per un suo recente passato, ma essendo diventata un posto molto turistico, negli ultimi tempi, ha aumentato i numeri del turismo gay. La nostra idea era quella di fittare una villa con piscina non lontano dal mare in modo da poter organizzare cene e comunque rimanere  beachstyle per quasi tutto il giorno.  L’isola è topograficamente particolare in quanto non ha molte spiagge di sabbia, ma è particolarmente rocciosa, quindi per gli amanti del genere è possibile trovare numerose zone anche quasi deserte dove andare, mentre per chi preferisce le aree sabbiose la scelta si riduce notevolmente. La zona nord dell’isola è notevolmente più sabbiosa.

L’idea di fittare una villa è praticamente la più gettonata sulla costa sud infatti abbiamo trovato numerosissime ville in affitto e quasi tutte dotate di piscina privata e giardino a una ragionevole distanza dal mare.

Noi abbiamo anche deciso di fittare un auto.

COME ARRIVARE E MUOVERSI

Come per le classiche mete turistiche ci sono numerose compagnie che volano su Cipro, da Alitalia a Ryanair, noi siamo partiti da Ciampino, abbiamo lasciato l’auto al parcheggio a lunga sosta e ci siamo diretti nella località di Paphos. Essendo una ex colonia inglese, il servizio trasporti pubblici è molto efficiente: il biglietto si può comprare direttamente dall’autista e gli orari sono rispettati. Sono presenti numerose linee. Noi abbiamo deciso di noleggiare un auto, ma essendo una  ex colonia inglese, quindi con guida sul senso di marcia opposto a quello italiano, e con strade piuttosto tortuose, dopo 5 minuti che la nostra amica K. stava provando la mia guida, ha deciso di scendere dall’auto,  di non salirci più e di farcela restituire. Abbiamo usato i taxi, che sono abbastanza comodi e non particolarmente costosi.

SPIAGGE

Le spiagge di Paphos sono rocciose o con sassi, il mare è azzurro e molto pulito e le spiagge mai troppo affollate. La maggior parte dei turisti viene dal Regno Unito oppure dalla Russia. L’unica grande spiaggia di sabbia della zona si chiama Coral Bay, facilmente raggiungibile sia con il taxi sia con i mezzi pubblici. Per chi volesse,  è possibile stare sulla parte rocciosa di alcuni piccoli paesi sulla costa. Non ci sono spiagge gay.

COSA FARE

Essendo una zona di turismo tipicamente inglese e negli ultimi tempi anche russo, gli orari delle attività si adattano a quelli di queste nazioni che sono anticipati rispetto all’Italia. Il centro del paese è un’ area molto divertente con persone sul lungomare fino a tardi, gruppi di ragazzi che si fermano a bere nei bar, e, risalendo il lungomare, dopo una piccola salita, si trova la “via dei locali” ossia una lunga strada con clubs e bar in successione dove i numerosi PR cercano di coinvolgerti offrendo drink o ingressi gratuiti. A Paphos c’è un locale gay molto interessante, si trova leggermente decentrato rispetto alla “via dei locali” ed è un bar che fa party e spettacoli molto carini. Musica e divertimento con un ambiente molto internazionale.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...